Seguici e sostienici sui nostri social

STAMPAGIOVANILE_MARCHIO_1469637287425
AGENZIA DI STAMPA GIOVANILE
PER ULTERIORI INFORMAZIONI, CONTATTACI:
 
+39 348 1936763
 
INFO@STAMPAGIOVANILE.IT
 
L'Agenzia di stampa giovanile è un'iniziativa di partecipazione giovanile attraverso l'uso creativo dei nuovi e tradizionali strumenti di comunicazione e informazione. È promossa dall'Associazione Viração&Jangada in collaborazione con: Associazione In Medias Res, Assessorato alla Cooperazione allo Sviluppo della Provincia Autonoma di Trento, Osservatorio Trentino sul Clima, Consorzio dei Comuni della Provincia di Trento BIM dell’Adige.
INFO COOKIE POLICY  |  INFO@STAMPAGIOVANILE.IT
STAMPAGIOVANILE.IT @ ALL RIGHT RESERVED 2016  | POWERED BY flazio.com EXPERIENCE 
Clima
Ricerca la News
Le notizie più lette
18/01/2019, 15:33

elezioni, europa, europee, maggio, generazione, politica, voto



Generazione-Europa---perchè-essere-giovani-europei-oggi-conta-più-che-ieri


 RUBRICA ELEZIONI EUROPEE PARTE 1



DA DOVE VIENI?

La risposta a questa domanda, nonostante possa, di primo acchito, risultare banale, cela al suo interno un sistema di valori complessi che la determina. Ciò vale in modo particolare per noi giovani europei, cresciuti in un contesto in cui i confini dello stato e della nazionalità stessa si sono fatti sempre più fumosi, plasmando di conseguenza il nostro sistema di valori identitari, definiti da dinamiche sovranazionali e globalizzate.

Questa dimensione sovranazionale ha portato un’integrazione culturale e sociale fortissima tra i giovani europei, con una standardizzazione degli hobby, dei gusti, dei consumi culturali di vario genere anche veicolati dalla fortissima spinta della globalizzazione economica, finanziaria, culturale e sociale, ovviamente accentuata dall’integrazione determinata dalle istituzioni europee.

Possiamo dunque affermare che la generazione a cavallo tra i cosiddetti "millennials" (1982-1999 circa) e la "generazione Z" (1996-2013 circa), coloro che sono nati nella seconda metà degli anni ’90, poco dopo la creazione dello spazio Schengen e la ratifica del Trattato di Maastricht, sia la prima generazione che può, a pieno diritto, considerarsi europea nel senso più completo del termine.


COSA VUOL DIRE QUINDI ESSERE GIOVANI EUROPEI?

Essere giovani europei vuol dire parlare fluentemente più di una lingua, vuol dire essere cresciuto guardando le stesse serie animate dei nostri coetanei francesi o tedeschi ed essere scettici sul fascino che la Lira esercita ancora sui nostri genitori (in fondo cosa aveva di così speciale?). Vuol dire poter fare l’Erasmus e viaggiare in alcuni tra i paesi più belli del mondo potendosi sentire a casa. Insomma essere giovani europei vuol dire essere la principale dimostrazione che la convergenza non violenta tra Paesi e culture è possibile.

Noi siamo dunque la prima generazione che veramente può considerarsi europea, che veramente può affermare di avere un’identità sovranazionale e slegata nel profondo dalle dinamiche nazionali e nazionaliste che sussistono da centinaia di anni fra le popolazioni europee. A maggio di quest’anno, assieme a mezzo miliardo di individui, eterogenei a livello linguistico e culturale,  parteciperemo per la prima volta a uno dei più grandi, complessi e affascinanti esercizi democratici dell’intero pianeta: le elezioni europee.

E per questo dobbiamo essere consapevoli del fatto che anche il nostro voto risulterà determinante per costruire il futuro dell’Europa unita.  


PERCHÉ POSSIAMO CONSIDERARE LE ELEZIONI 2019 UNO SPARTIACQUE?

Le elezioni europee del 2019 saranno ricordate come uno scontro tra gli ideali europeisti e anti-europeisti, che trascendono i confini delle più canoniche destra e sinistra, categorie ormai cariche di significati perduti e forse inadatte al contesto politico mondiale, se non cedendo a facili generalizzazioni.

Si giunge a queste elezioni in un’atmosfera bollente, in un’Europa lacerata dalle sue contraddizioni interne, dal peso della burocrazia, dalle derive estreme dei partiti di destra, dalla spinta di movimenti popolari come i Gilet Gialli, dai progetti degli stati membri che sembrano contrastare con quelli dell’UE, dalla perdurante crisi migratoria, dai timori per il cambiamento climatico e dalla Brexit. La compresenza di tutte queste dimensioni nel dibattito e l’ascesa di partiti populisti complicheranno oltremodo il discorso politico attorno al futuro dell’Europa, passante appunto per queste elezioni, e sarà necessario avere gli strumenti per attraversare indenni la foresta tropicale della campagna elettorale, ricca di pericoli nascosti che solo occhi attenti potranno intravedere.

Come è facile comprendere, in virtù delle tensioni che attorniano questo evento, i risultati di queste elezioni saranno una pietra angolare per l’esistenza stessa del "sistema Europa". Indubbiamente il futuro dell’UE, cioè i giovani che ne fanno parte, sono tenuti a considerare la propria identità per comprendere veramente cosa significhi questa struttura in termini tanto di possibilità quotidiane acquisite, quanto di dimostrazione che è possibile unire in maniera funzionante persone di provenienze, lingue e culture diverse.


CHI MEGLIO DI NOI PUÓ DECIDERE DEL FUTURO DELL’EUROPA?

Prendendo spunto da queste riflessioni abbiamo deciso come Agenzia di creare un appuntamento mensile, una rubrica che vuole essere una guida a tutto ciò che riguarda l’Unione Europea: dalle modalità di voto passando per le tematiche in gioco, per finire con le visioni politiche che concorrono alle elezioni.

Troppo spesso la voce dei giovani è tenuta ai margini del dibattito politico, noi pensiamo invece che essa sia fondamentale nella costituzione di un dibattito costruttivo e sostenibile sul futuro, imprescindibile per evitare casi come la Brexit (in cui le vecchie generazioni hanno deciso per le nuove) e le recenti brutture politiche causate dalla crisi migratoria, in cui ogni governo europeo ha dato il peggio di sè.

Vogliamo dunque sottolineare l’importanza del compito che abbiamo intrapreso, perché esso si propone di fornire delle basi verificabili attraverso cui ciascun lettore potrà orientare le proprie scelte di voto. Nessun fine politico è sotteso nella nostra azione, si tratta di informazione votata a generare una più ampia consapevolezza su temi che inevitabilmente vanno ad impattare sulle nostre vite, e una scelta inconsapevole, una scelta di convenienza o mal ponderata, avrà un effetto permanente su di noi e su mezzo miliardo di cittadini europei.

Quindi, come piccolo memorandum alla fine di questo articolo introduttivo e poco sostanziale, invitiamo ciascuno di voi, nel penultimo week end di maggio, in tutte le città d’Italia come in quelle degli altri ventisette paesi membri ad esprimere la vostra preferenza nell’intimità e nella privacy del seggio elettorale ed esercitare quel diritto e dovere civico che per primo ci garantisce di vivere in una società democratica.


Enrico Chiogna, Alice Peconi, Gaetano Sciarotta

06/01/2019, 13:45

letterature, utile, inutile, leggere, libri, vita, riflessione, poesia



L’utilità-dell’inutile:-riscoprirci-umani,-riscoprirci-uguali---parte-3


 



Ne Il pensiero dominante, Leopardi criticava la società, che definiva superba, perché impegnata soltanto a inseguire l’utile. L’utile è la merce, che risponde ai bisogni più disparati, essenziali o meno. La sua carta vincente risiede nella sua natura di oggetto materiale, con un proprio valore economico e una propria funzione.


La poesia non è merce perché

non è consumabile. Non è prodotta

‘in serie’: non è dunque un prodotto.

E un lettore di poesia può leggere

anche un milione di volte una poesia:

non la consumerà mai.


La poesia non è merce, scrive Pasolini in questi versi. La grande differenza tra la merce e la poesia risiede nel fatto che la prima ha una data di scadenza, mentre la seconda no. Il cibo che non mangiamo scade, i vestiti si bucano dopo anni di utilizzo, la macchina che ci permette di spostarci necessita di manutenzione costante (e anche con l’attenzione necessaria, prima o poi ci abbandonerà). Eppure, almeno una volta nella vita, entriamo in contatto con qualcosa che sopravvive con decine di centinaia di anni alle spalle. Si tratta della poesia, forma di resistenza contra la dittatura dell’utilitarismo.


Quasi tutti hanno letto, quantomeno tra i banchi di scuola, qualche verso di Seneca o di Orazio, un sonetto di Petrarca o una terzina di Dante. Non importa quanti lettori abbiano letto e leggeranno la stessa poesia e per quante volte: non è un bene consumabile o deteriorabile. Anzi, è possibile che alla decima lettura ci dica qualcosa di nuovo.


Col passare del tempo si sono affermate molte e diverse correnti letterarie, sono mutate le

tendenze estetiche e si sono sviluppate nuove ricerche stilistiche. Eppure, una poesia di duemila anni fa, riesce ancora a comunicare con noi.


Fac ergo, mi Lucili, quod facere te scribis, omnes horas complectere; sicfiet ut minus ex

crastino pendeas, si hodierno manum inieceris. Dum differtur vita transcurrit.”

(“Fa’ dunque, o mio Lucilio, quello che scrivi di fare, abbraccia tutte le ore; così accadrà che tu dipenda meno dal domani, se porrai la mano sull’oggi. Mentre si rinvia la vita scorre”).


Nella prima lettera a Lucilio, Senaca si interroga sulla fugacità del tempo e sulla brevità della vita terrena. Ma non sarà il solo: Petrarca scrive nel primo sonetto del Canzoniere, Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono:


[…] e ’l conoscer chiaramente

che quanto piace al mondo è breve sogno."

(“ […] e il sapere con chiarezza

che tutto ciò che riguarda la vita terrena è di breve durata”).


In questo sonetto Petrarca analizza il suo passato, caratterizzato dall’amore per Laura, morta anni prima. La poesia si sviluppa su due piani temporali: il passato, momento dell’errore, e il presente, tempo del pentimento e della vergogna. Il poeta è angosciato dal fluire inesorabile del tempo, che porterà via con sé tutte le cose terrene, vane e precarie.


Quasi seicento anni dopo, altri poeti si interrogheranno sulla precarietà dell’esistenza.


Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole: ed è subito sera.


Si tratta degli ultimi tre versi di Solitudini, una poesia di Salvatore Quasimodo. Il poeta ha poi deciso di renderla una poesia a sé stante, perché fosse il più ermetica possibile, e l’ha intitolata Ed è subito sera. Quasimodo racchiude, in pochi versi, il (non) senso dell’esistenza umana: gli uomini, soli poiché incapaci di comunicare realmente tra di loro, faticano pur sapendo di avere un’ignota data di scadenza, abbagliati talvolta dalla speranza, rappresenta da un raggio di sole.


Eppure, nonostante il suo contenuto, la lirica sembra non arrendersi totalmente di fronte alla

nostra mortalità. La scelta del verbo “stare”, dilata la fugacità dilagante nel senso della poesia: forse la vita dura uno schiocco di dita, ma, allo stesso modo, uno schiocco di dita dura una vita.


Infine, Ungaretti in Ultimi cori per la terra promessa, scrive:


[…] Che nel legarsi, sciogliersi o durare,

Non sono i giorni se non vago fumo.


In Ungaretti il dato temporale è importantissimo. Proprio sulle problematiche del tempo, si

interrogherà a più riprese nella maggior parte delle sue raccolte. L’umana limitatezza rende quanto meno inafferrabile, se non inesistente, il senso della vita. Alla ricerca di un senso dell’umano peregrinare, Ungaretti risponde così: i giorni sono vago fumo.


Nonostante le differenze formali, linguistiche, ritmiche e metriche, i contenuti non esauriscono la loro carica emotiva. L’inutile trascende il tempo e ci parla di noi, si pone le nostre stesse domande, ci indirizza verso risposte condivisibili.


In questo risiede l’utilità dell’inutile: riscoprirci umani, riscoprirci uguali.



Chiara Pizzulli e Chiara Taiariol

04/01/2019, 13:01

Davi Kopenawa, Yanomami, Survival International, Brasile, Jair Bolsonaro, foresta pluviale, indigeni, nativi



IL-CIELO-COLLASSA-SOPRA-DI-NOI:-L’AMAZZONIA-È-IN-PERICOLO


 Davi Kopenawa è uno sciamano della foresta. E’ anche il leader della tribù Yanomami e uno dei più vocali attivisti indigeni per la difesa dell’Amazzonia e dei diritti dei nativi. E’ colui che ci avverte che, presto, il cielo potrebbe caderci addosso.



Il primo gennaio, Jair Bolsonaro ha assunto la Presidenza del Brasile.

La sua vittoria nelle elezioni dello scorso ottobre è l’ennesimo trionfo di movimenti e partiti populisti, violenti, xenofobi, nazionalisti che dappertutto nel mondo hanno raggiunto le alte cariche dello Stato attraverso il voto popolare. Come i suoi compari, questo ex-militare diventato parlamentare ha intenzione di portare avanti un’agenda reazionaria che minaccia la democrazia brasiliana e gli equilibri internazionali.

Rappresenta un serio pericolo anche per l’ecosistema terrestre. Il nuovo Capo di Stato ha dichiarato di voler seguire la linea trumpista rispetto alla questione ambientalista: intende ritirare il Brasile dagli Accordi sul Clima di Parigi. Intende quindi ignorare il trattato internazionale che si propone di tutelare l’ambiente per garantire il futuro della Terra e dei suoi abitanti. Intende ignorare gli avvertimenti della comunità scientifica sui rischi catastrofici del riscaldamento globale. Intende ignorare le richieste dei popoli indigeni che chiedono di salvaguardare quella che da secoli è la loro casa e che, contemporaneamente, è il polmone verde del nostro pianeta.

Sul territorio brasiliano, infatti, si estende la porzione più ampia della foresta pluviale amazzonica all’interno della quale vivono decine e decine di popolazioni indigene - alcune ancora incontattate. La fine della tutela che trattati internazionali di stampo ecologista danno a questo ambiente significa la sua scomparsa e la scomparsa delle culture che in esso fioriscono.

Bolsonaro ha già cominciato quest’opera di erosione. Il giorno dopo il suo insediamento, vuole affidare al Ministero dell’Agricoltura, vicino agli interessi dei grandi latifondisti, la delimitazione delle terre indigene. In altre parole, il Presidente ha condannato l’Amazzonia ad un (non così lento) processo di deforestazione e gli indigeni alla cancellazione di molta loro memoria storica.

Gli Yanomami sono una di queste popolazioni. Davi Kopenawa è il loro leader e sciamano e uno dei rappresentanti indigeni più attivi nella protezione della natura.

A settembre, Davi è arrivato in Italia per presentare il suo libro La caduta del cielo (Edizioni Nottetempo) in varie città. Ha così potuto raccontare a chi ha orecchie per ascoltarlo la cultura della sua gente e come la conservazione di questa sia inestricabilmente legata alla geopolitica mondiale e alla difesa della Terra. Ha potuto spiegare, in un’epopea cosmo-ecologica, le ragioni del collasso della volta celeste. La sua visita in Italia è stata possibile grazie a Survival International, un’organizzazione non-governativa impegnata a difendere gli indigeni (contattati e non) di tutto il mondo.

A Rovereto, c’è stata occasione di parlare con Kopenawa in persona - e di essere testimoni diretti della forza delle sue idee.

Perché il cielo cade?
Il cielo è già caduto tanto tempo fa, all’inizio del mondo. Cadendo uccise i primi popoli, yanomami e non-indigeni, che vivevano sulla Terra. Oggi il cielo è sopra di noi ma potrebbe cadere di nuovo, perché il popolo della merce non sente il peso del mondo e lo sta distruggendo.

Molti di voi non credono che questo possa accadere davvero, ma è un pericolo molto serio. Già in molti altri posti i fiumi straripano, le persone vengono uccise, la terra viene inquinata; in alcuni luoghi fa troppo caldo e in altri troppo freddo. Il mondo è malato. Con questo libro voglio mettere in guardia i bianchi, perché possano imparare a rispettare il popolo yanomami, la nostra foresta che è il polmone della Terra, e tutta la natura.

Qual è dunque l’errore più grave della cultura occidentale? 
I bianchi sono il popolo della merce, per loro è molto difficile ascoltare la natura perché sono abituati a vivere nelle città. I capi del mondo ricco e industrializzato pensano di essere i padroni e avvelenano la natura. Le attività minerarie e i mangiatori di terra distruggono la foresta e portano malattie mortali. Questo è forse progresso?

Ho scritto questo libro per voi, perché a voi piace imparare leggendo su pelli di carta. Voglio diffondere la voce degli Yanomami e far conoscere ai bianchi un altro pensiero: la saggezza della foresta.

A questo punto, è giusto e importante affermare che la sopravvivenza del suo popolo è essenziale per chi vive adesso e per le generazioni che verranno.
Noi siamo i figli dell’Amazzonia, siamo stati creati nell’Amazzonia e siamo cresciuti alimentandoci di ciò che essa ci dà. La foresta per noi è tutto: casa, cibo, medicina. Noi Yanomami - e tutti i popoli indigeni amazzonici - ci prendiamo cura della natura, del vento, delle montagne, della foresta, degli animali. Questa etica è molto importante per noi indigeni, e viene tramandata ai nostri figli, ai nipoti e alle future generazioni. Lottiamo non solo per noi, ma anche per gli uomini delle città. Se la nostra conoscenza andrà persa, allora anche il popolo bianco morirà. È questo che vogliamo evitare.

Evitare la scomparsa significa anche (forse soprattutto) rivendicare i propri diritti. Qual è il diritto fondamentale di cui i popoli indigeni non devono mai dimenticarsi?
Il diritto a vivere nella e della loro terra è fondamentale per tutti i popoli indigeni. La terra è il nostro patrimonio, un patrimonio che ci protegge. Ci appartiene e grazie a lei possiamo coltivare, cacciare, stare in salute. È la nostra casa, è vita. Non abbiamo bisogno di denaro, abbiamo solo bisogno che il nostro territorio sia rispettato. Solo così possiamo sopravvivere e prosperare.

Voi Yanomami, per godere del vostro diritto, state correndo pericoli gravissimi. Qual è il maggiore e come lo state affrontando?
Il territorio yanomami è stato riconosciuto e demarcato dal Governo brasiliano nel 1992, ma ancora oggi non è davvero protetto. I garimpeiros (cercatori d’oro) lo hanno invaso: inquinano con il mercurio le terre e le acque dei fiumi e portano malattie nuove molto pericolose che noi Yanomami non possiamo curare con le nostre medicine - come morbillo, influenza e HIV. Le autorità brasiliane spesso sono complici degli invasori. È molto importante che ci aiutiate.

Chiedo a voi che vivete in Italia e in Europa di prendere posizione e fare pressione sul Governo brasiliano, che vuole distruggere la nostra storia e i nostri diritti. Non fa nulla per fermare l’invasione delle nostre terre da parte dei minatori.

Sono molto preoccupato e triste, perché quello che è accaduto ai nostri fratelli del Nord-America tanto tempo fa sta accadendo ora nella terra yanomami. Per questo vi chiedo di appoggiarci. Per me è un compito molto pericoloso: gli invasori sono abituati a uccidere i leader, come è successo a Chico Mendes, ma io continuo a lottare. Difendo la mia terra e la mia cultura, difendo i diritti del mio popolo.

Oltre a essere un leader indigeno, lei è anche uno sciamano. Qual è il dono più prezioso che gli sciamani dei popoli indigeni fanno al mondo?
Sono uno sciamano della foresta e lavoro con le forze della natura, non con quelle del denaro o delle armi. La nostra saggezza è differente, la nostra è una conoscenza diversa. Gli spiriti xapiripë ci mettono in contatto con il mondo e ci aiutano a curarlo; mantengono l’equilibrio del mondo. Gli sciamani yanomami sono sempre in contatto con gli xapiripë e li custodiscono attraverso i sogni sciamanici. Lavorano per proteggere la grande anima della Terra, per questo la saggezza dei nostri spiriti sciamanici è molto importante per la sopravvivenza di tutta l’umanità.


Carlotta Zaccarelli
Fotografia: Fiona Watson / Survival International


12397
CHI_SIAMO_1_1469639095623.JPG
Conosci il Team
L'Agenzia di stampa giovanile è costituita da un gruppo di mediatori che collaborano perché i giovani possano esercitare alla grande il diritto umano alla comunicazione.
CHI_SIAMO_3_1469639278197
Scopri l'agenzia
Progetto collaborativo di partecipazione giovanile 
attraverso l'uso creativo della comunicazione e informazione.
Articolo_GIOVENTU_1469639432016
I nostri partner

L'Agenzia di stampa giovanile è realizzata in collaborazione con diversi
enti promotori, scopri chi sono.
Create a website